Il tuo carrello

Il tuo carrello è vuoto!

Continua shopping

Sincronizza la tua bellezza


Le esigenze della nostra pelle seguono una ciclicità e variano nell’arco della giornata secondo i ritmi circadiani. 

Aiutare la nostra pelle a rispondere adeguatamente ai fattori esterni di stress per rigenerarsi ogni giorno è il primo segreto di benessere e bellezza.

Ritmi Circadiani

L’essere umano è immerso nell’armonia della Natura e partecipe dei ritmi dell’Universo.

Un orologio biologico regola l’imprescindibile relazione dell’uomo con il cosmo e lo allinea ad un ritmo che modifica ciclicamente la fisiologia del corpo umano per farla adattare all’avvicendarsi del giorno e della notte( ciclo sonno-veglia) e all’alternarsi delle stagioni.

La Cronobiologia è una branca della biologia che studia  i fenomeni ciclici negli organismi viventi, caratterizzati da un andamento ritmico; il nostro corpo segue  il cosiddetto Ritmo Circadiano (dal Latino circa diem, quasi un giorno), cioè un ciclo caratterizzato da un periodo di  circa 24 ore.

I ritmi della pelle

La nostra Pelle è un organo, il più esteso del nostro corpo, e anch’essa ha un’azione ciclica.


DI GIORNO: ci protegge dal freddo, dal caldo, dai raggi UV, dall’inquinamento ambientale. E’ La nostra armatura preziosa e  svolge una fantastica Funzione Barriera

DI NOTTE: si rigenera. Vengono attivati i Fibroblasti, cellule madri della pelle, per produrre cellule nuove, nuovo Collagene ed Elastina, riparare le strutture danneggiate, si riequilibra il tessuto cutaneo, si riducono i segni del tempo e la pelle si riprepara alla sua attività diurna.

Fattori come alcol, fumo, alimentazione scorretta o stress agiscono in maniera silente minando la funzione di barriera della pelle, provocando reazioni cutanee e accelerando i processi d’invecchiamento.                                

La cell-to-cell communication

Gli orologi biologici sono raggruppamenti di molecole presenti in ogni organo e tessuto, sincronizzati secondo il ritmo circadiano dalla "centrale operativa”, il nucleo soprachiasmatico, collocata nella zona centrale dell’ipotalamo. La centrale operativa riceve dall'esterno gli stimoli necessari (primo fra tutti l'alternanza luce-buio) per regolare questi orologi secondo il ritmo circadiano, ritmo che regola diversi processi fisiologici. Il ritmo che sincronizza l’orologio biologico è sostenuto da segnali endocrini e nervosi che sono trasmessi dalla “centrale operativa” con una comunicazione tra cellule (cell-to-cell communication); il segnale migrando da cellula in cellula raggiunge gli organi periferici attivando, nel caso della pelle, i Fibroblasti, cellule madri, che producono nuove cellule che riequilibrano il tessuto cutaneo, formano nuovo Collagene ed Elastina, stimolano l'ossigenazione della pelle, e migliorano l’idratazione cutanea.

Il gene CLOCK

Chi dirige il meccanismo in questa centrale operativa è un pool di geni, tra cui il gene CLOCK, acronimo di Circadian Locomotor Output Cycles Kaput, che svolge un ruolo fondamentale nel funzionamento dell’orologio biologico dell’essere umano, attivo nella trascrizione e  nella trasmissione degli stimoli. La regolazione di  molti processi biologici   si trovano infatti, direttamente e indirettamente, sotto il controllo dei geni CLOCK. Le ultime ricerche nel campo della Medicina, premiate con il Nobel del 2017,   mostrano come la sincronizzazione  del ritmo dell’orologio biologico di tutti gli essere viventi  sia fondamentale per permettere all’organismo di adattarsi alle influenze esterne, basta pensare agli effetti del jet lag. Quando l’orologio si desincronizza si  creano disequilibri che  possono generare sia alterazioni patologiche quali il diabete, la sindrome metabolica, l’obesità, ma anche semplicemente può influire sul nostro umore, cosi come sul benessere della nostra pelle.

Una risposta concreta alle tue necessità

Fattori avversi come uno stile di vita particolarmente attivo, abitudini alimentari scorrette, notti in bianco, fumo, superalcolici, un inquinamento ambientale elevato, eccessivi bagni di sole o mancanza di luce naturale( pensiamo a chi lavora per giorni in un ambiente chiuso non esponendosi sufficientemente  alla luce del sole) possono causare una desincronizzazione del nostro orologio biologico, alterando il ritmo che è alla base, e questo provoca una ridotta  rigenerazione, un processo di invecchiamento più sostenuto e la nostra pelle appare più stanca, segnata, disidratata. Inoltre Fattori come alcol, fumo,  stress  agiscono in maniera silente minando la funzione di barriera della pelle, provocando reazioni cutanee e accelerando i processi d’invecchiamento.